La mamma di tutte le marche, distintiva e unica in tutto il mondo con la sua bevanda analcolica più popolare e venduta nella storia. Ecco per voi l’analisi SWOT della Coca-Cola, una delle più importanti multinazionali del mondo, che durante la sua storia ha subìto pochi e piccoli cambiamenti.

 

L’analisi SWOT della Coca-Cola

Forze

  • Brand forte
  • Valore dell’azienda
  • Presenza globale
  • Quota di mercato ampia
  • Marketing forte
  • Fedeltà dei clienti alta
  • Canali distributivi

Debolezze

  • Concorrenza con Pepsi
  • Bassa diversificazione dell’offerta
  • Assenza nel mercato delle bevande salutari
  • Gestione dell’acqua

Opportunità

  • Diversificazione dell’offerta
  • Espandersi nei paesi in via di sviluppo
  • Miglioramento della catena del valore

Minacce

  • Scarsezza di materie prime, soprattutto acqua (maggior costi)
  • Concorrenza indiretta delle bevande salutari

 

Tabella dell’Analisi SWOT con le possibili strategie:

Conclusioni

Dall’analisi SWOT eseguita si nota molto che Coca-Cola ha dei punti di forza molto importanti. Il suo brand e la sua popolarità globale le stanno permettendo di combattere la crisi economica.

Comunque, con i consumatori sempre più propensi per una vita salutare, è fondamentale per l’azienda introdurre dei prodotti salutari nel suo portfolio. Ad esempio potrebbe vendere degli snack, come le patatine, oppure altre bevande come caffé o succhi di frutta. L’intero mercato delle bevande soda è sotto la minaccia delle bevande salutari. Coca-Cola deve puntare inoltre sempre più anche sul marketing forte dei suoi prodotti per avere continui profitti.

La scarsezza delle materie prime, soprattutto quella dell’acqua, è una grossa minaccia, siccome fa aumentare i costi di produzione. Bisogna fare molta attenzione e saper gestire in anticipo la situazione per non farla peggiorare.

L’azienda ha quindi le forze per continuare a guadagnare e combattere la concorrenza, soprattutto con la diversificazione dei prodotti ed espandendosi nei paesi emergenti.

 

 

Scopri le altre analisi su Coca-Cola:

 

Lascia un commento oppure condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *