Anche il settore dell’igiene personale presenta molte aziende importanti da analizzare. Qui ho scelto Colgate, famosa per la sua linea di dentifrici, e sono sicuro che la maggior parte di voi li ha utilizzati almeno una volta. Ma lo sapevate che Colgate non produce solo dentifrici? Già, perché precisamente l’azienda ha fatto una fusione, diventando Colgate-Palmolive. Ecco la sua analisi SWOT.

 

L’analisi SWOT di Colgate-Palmolive

Forze

  • Brand forte
  • Ampia linea di prodotto (igiene orale, igiene personale, prodotti per la pulizia della casa)
  • Presenza globale
  • Catena di distribuzione efficiente
  • Quota di mercato stabile
  • Innovazione di prodotto (Ricerca&Sviluppo eccellente)
  • Pubblicità forte

Debolezze

  • Costi operativi elevati
  • Quota di mercato limitata
  • Nome del brand spesso imitato, usato come termine generico per dentifrici

Opportunità

  • Espandere ancora di più la linea di prodotto
  • Espandersi nei paesi emergenti
  • Rafforzare il business con fusioni e acquisizioni

Minacce

  • Mercato saturo (margini bassi)
  • Aumento di concorrenti locali e nazionali
  • Aumento del costo delle materie prime
  • Cambiamento di brand frequente da parte dei consumatori

 

Tabella dell’Analisi SWOT con le possibili strategie:

 

Conclusioni

Colgate-Palmolive è il leader del settore, un’azienda di prima classe per i clienti, che ha saputo sviluppare diversi punti di forza importanti. D’altra parte però ci sono debolezze e soprattutto minacce da non sottovalutare, cercando di anticiparle e superarle.

La minaccia dei concorrenti locali, la più pericolosa secondo me, si può riuscire a combattere con una forte distribuzione ancora più capillare.

Un altro punto importante è la linea di prodotto, che deve essere ancora più ampia, offrendo prodotti che anche i diretti concorrenti offrono. Aumentare la linea ha una forte conseguenza positiva per Colgate: incrementerebbe la quota di mercato.

Per combattere i costi operativi elevati si deve puntare su nuove acquisizioni. Mentre per i cambiamenti frequenti di marca da parte dei consumatori, per queste tipologie di prodotti, si deve fare maggior pubblicità, magari mirata a prodotti specifici e periodici.

 

Lascia un commento oppure condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *