Il marchio Coca-Cola è fortemente riconosciuto in tutto il mondo, con quel suo logo rosso e bianco che diffonde felicità a tutta la popolazione. Per riuscire nella sua missione, l’azienda segue una precisa e importante strategia. Analizziamo la strategia di marketing di Coca-Cola dunque per capire come lavora dietro le quinte.

 

Strategia di Marketing di Coca-Cola

Segmentazione del mercato

L’azienda si affida principalmente a due variabili per segmentare il suo mercato: le variabili geografiche e demografiche.

Coca-Cola segmenta il mercato secondo le regione del mondo, perché i bisogni delle persone cambiano a dipendenza del clima e soprattutto della cultura del paese. Dovete tener conto che la famosa bevanda è presente in oltre 200 nazioni.
Ad esempio in Asia le persone sono più abituate a bere il tè invece delle bevande analcoliche.  Viceversa in America i prodotti della Coca-Cola hanno quasi raggiunto il livello di maturità.

L’età, il genere e il reddito sono i fattori che tiene in considerazione come variabili demografiche. Ci sono alcune differenze nei gusti tra maschio e femmina: le femmine preferiscono delle bevande meno caloriche per esempio. Anche a seconda dell’età i gusti e le abitudini cambiano, quindi l’azienda ne tiene conto.

 

Mercato obiettivo

In generale ogni cliente viene considerato da Coca-Cola come un obiettivo, siccome è un prodotto che si adatta a chiunque. Tuttavia, tramite la sua segmentazione, ci sono dei gruppi di consumatori principali a cui l’azienda si rivolge.

L’età è uno dei segmenti più importanti: i prodotti a marchio Coca-Cola sono indirizzati maggiormente ad una clientela giovane, di età compresa tra i 10 e i 35 anni. Infatti nelle scuole e nelle università sono sempre presenti le sue bevande, così come nelle sue pubblicità vediamo sempre apparire pop star famose tra i giovani.
Comunque non vengono tascurati i consumatori più anziani, ai quali vengono offerti prodotti dietetici.

Ugualmente il reddito è un altro elemento importante. Basta andare in un negozio di alimentari e vedere con i propri occhi le bevande Coca-Cola: si nota subito che sono disponibili diverse dimensioni di bottiglie e diverse confezioni ognuno ad un suo livello di prezzo. Questo per rendere accessibile i prodotti alla classe media, agli studenti e alle famiglie, che possono così acquistarli ad un prezzo conveniente.

La strategia di definizione del mercato obiettivo che ha scelto perlopiù l’impresa è quella del marketing differenziato: tiene conto delle differenze che ci sono tra i segmenti di mercato, ad esempio la Coca-Cola Light è più pensata per le femmine e per la regione Americana, mentre la Coca-Cola Zero per i maschi e soprattutto in Europa.
Anche il marketing indifferenziato viene seguito a dipendenza dei prodotti, siccome diversi di loro sono offerti uguali in varie nazioni del mondo.

 

 

Proposta di valore

Il vantaggio competitivo di Coca-Cola risiede in diversi fattori:

  • Operazioni
  • Gestione dei costi
  • Portfolio dei marchi e prodotti
  • Canali di marketing
  • Relazioni con i clienti (Customer Relationship Manager)

Le attività di imbottigliamento sono state esternalizzate ad un’importante azienda affiliata. L’azienda offre un ampio e forte portfolio di bevande comprendente bibite gassate, acqua in bottiglia, succhi, arance, iso-tonici, tè, bevande energeti, che la fanno crescere nei vari mercati e permette di sfruttare economie di scala, riducendo così i costi operativi. Gli intensi investimenti nel marketing, con lo sfruttamento di vari canali, hanno reso il marchio sempre più famoso ovunque e trasmesso i valori dell’azienda ai clienti. Valori, come la felicità, che sono apprezzatissimi e che sviluppano di conseguenza un’ampia fedeltà.

La proposta di valore di Coca-Cola è dunque un’offerta di benefici elevati a prezzi medi (more for the same). I suoi prodotti di alta qualità vengono venduti a dei prezzi non esagerati, ma alla portata di famiglie e studenti. Chi compra una bevanda Coca-Cola di sicuro continuerà a comprarla, perché riesce a trasmettere un sorriso sulla bocca di chiunque.

 

 

Scopri le altre analisi su Coca-Cola: